IL PETTEGOLEZZO IN UFFICIO: DA EVITARE!

L'immagine può contenere: 3 persone, persone che sorridono, notte e primo piano

Al #lavoro capita di spettegolare tra colleghi, alla macchinetta del caffè, sull’ultimo gossip. Può essere innocuo se fatto saltuariamente, scambiando due battute per ridere e alleggerire lo stress.

Ma c’è il pettegolezzo ben più pesante ed è generalmente fatto dai “criticoni” dell’ufficio, che trovano qualunque pretesto per parlare male degli altri.
Queste persone (molto negative) denigrano gli altri, principalmente, per primeggiare in quanto non riescono a farlo puntando solo sulle loro qualità e pregi, ma parlando sempre dei”difetti”altrui.

Possono essere dei trascinatori, sempre al centro dell’attenzione e sono presi anche molto in considerazione dai colleghi. Ma gettano la maschera con chi ha la sfortuna di stare loro”antipatico”, creandogli il vuoto attorno, a causa del loro continuo parlar male quindi possono anche essere dei potenziali mobber…
Il guaio nasce quando le loro opinioni e critiche vengono seriamente prese in considerazione dai capi!

Per evitare i danni di questi individui, l’unica arma, da parte di tutti i membri di un ufficio, è di non dare ascolto e non diffondere i loro pettegolezzi e critiche.
Perché chi parla male di qualcuno con te, parlerà anche male di te con altri!

Tra i vari strumenti di benessere aziendale, ritengo che dovrebbe essere obbligatoriamente introdotto nel regolamento aziendale una postilla che vieta la diffamazione e il pettegolezzo continuativo all’interno dell’azienda! Forse può sembrare esagerato ma, come detto sopra, il pettegolezzo cattivo può favorire l’insorgere del mobbing, un comportamento molto pericoloso verso i dipendenti e deleterio per la stessa azienda.

I pettegoli ci sono anche nel tuo ufficio? Scrivimi i tuoi commenti

#mobbing #lavoro #discriminazione

Pubblicato da

Jenny Ubaldo

Career, Talent e Creativity Coach

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *